Estate: Un’occasione anche per qualcosa di diverso

Ho postato e continuerò a postare spunti per attività extrascolastiche e estive tese a stimolare e sviluppare l’interesse per la scienza e la cultura. Credo sia importante anche segnalare iniziative che dovrebbero entrare nel “mix” delle attività familiari per dare concretezza ai concetti di “cittadinanza attiva” e “solidarietà”.

Nulla vale più dell’esempio (nel bene e nel male) ed è inutile parlare di solidarietà, impegno personale, contributo alla comunità se poi alle parole non corrispondono i fatti. E, a mio avviso, mandare qualche SMS per finanziare questa o quella causa valgono più come foglia di fico che vero contributo e spunto educativo.

Esistono a questo proposito vari “campi”, in Italia ed all’estero, che coprono un ampio spettro di tematiche (naturalistiche, culturali, econologiche, sociali, politiche, religiose) e fra le quali ognuno può trovare quelle che ritiene più affini.

Partiamo qui dai campi di Legambiente.

Un campo è una breve esperienza nella quale si offre ai partecipanti la possibilità di realizzare concretamente un progetto di ripristino, tutela, valorizzazione dell’ambiente. E’ anche l’occasione per conoscere luoghi da tutelare, risorse del territorio e persone che hanno condiviso la stessa scelta di volontariato. Un modo pratico per mettersi in gioco e dare il proprio contributo alla salvaguardia del nostro territorio, ma anche un modo per imparare “sul campo” cosa significhi vivere in modo più sostenibile.
La maggior parte dei campi dura 10-15 giorni. Vi possono partecipare da 2 a 30 volontari, secondo il progetto e le finalità, ma lo standard è di 8-15 persone.

E’ possibile che un gruppo di 6-15 persone (posti permettendo) prenda un intero campo, richiedendolo entro il 30 aprile.

I campi possono essere: 
•    Nazionali (solo con volontari italiani)
•    Internazionali all’estero (partecipanti provenienti da tutto il mondo, 2 per associazione, che comunicano tra loro in inglese)
•    Internazionali in Italia (2 volontari per paese).

I campi si suddividono per età dei partecipanti: 
•    I campi per adulti richiedono almeno 18 anni compiuti o da compiere durante il soggiorno. L’età media dei campi   nazionali è 25-30 anni (ma ci sono volontari anche di 70 anni), quella dei campi internazionali è 20-25 anni.
•    I campi under 18 sono rivolti in Italia a ragazzi dai 15 ai 17 anni e, all’estero, dai 16 ai 17.
•    I campi per famiglie sono rivolti ai bambini tra i 4 e i 10 anni e i loro genitori. Mentre nei campi di swimtrekking per famiglie i bambini devono avere un’età compresa tra gli 8 e 13 anni.
Ci sono campi tutto l’anno, ma la maggior parte si svolge in estate. Si lavora 5-6 ore al giorno per 5-6 giorni a settimana, ma ogni campo è strutturato secondo le esigenze del progetto e le necessità climatiche locali. I volontari devono essere molto flessibili e pronti ad adattarsi alla situazione che trovano.

Gli alloggi sono sempre piuttosto semplici (scuole, foresterie, tende, ostelli). Brande e/o materassi sono forniti dall’organizzazione, mentre il volontario porta sacco a pelo, federa e asciugamani. Non esistono mai camere singole o matrimoniali! All’inizio del campo si stabiliscono dei turni di corvèe per la cucina e le pulizie.

L’ultimo giorno del campo di solito si compilano le schede di valutazione, utili se inviate anche all’ufficio nazionale. Preziose anche le fotografie a 300dpi con immagini di volontari e luoghi di campo.

La formazione dei partecipanti non è richiesta oppure avviene nei primi giorni di campo. In alcuni campi all’estero, invece, può essere necessaria e in questo caso viene indicato nella descrizione del campo.

I volontari con esperienza nei campi di Legambiente possono diventare responsabili di campo partecipando a uno dei seminari che vengono organizzati ogni primavera. Il responsabile, nominato dal circolo o dall’associazione ospitante, volontario esperto e appositamente formato, coordina tutta l’organizzazione del campo.

Il volontario rappresenta anche l’associazione: è bene conoscerla, quindi, ed essere sicuri di essere in armonia con le sue scelte generali. Per questo ci sono un migliaio di gruppi locali in tutta Italia: conoscerli prima di partire può aiutare a valorizzare a pieno l’esperienza del campo. Inoltre, al rientro, sarebbe bello cavalcare l’entusiasmo e convogliarlo verso le iniziative del proprio circolo di zona.

Maggiori informazioni qui

Lascia un commento

Archiviato in Attività Extra Scolastiche, corsi estivi, Italiano

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...