Esami e Bocciature: Un tema caldo ma non ovvio

Le dichiarazioni del Ministro e del responsabile scuola del PD hanno riaperto la polemica. Confesso che la mia reazione istintiva è stata di netta chiusura: gli esami servono e mi spiace siano stati aboliti quelli di 5a elementare (che i miei figli hanno fatto avendo frequentato una elementare non paritaria). Le bocciature sono un “male necessario” per mantenere dei livelli minimi di preparazione.

I riferimenti forniti dalla Puglisi e citati nell’articolo (di cui lamento l’italiano molto zoppicante!) devono tuttavia essere approfonditi e potrebbero esserci elementi fattuali controintuitivi.

A questo va contrapposta la situazione critica delle nostre scuole in termini di risorse. Il sostegno e la “prevenzione” a volte sono “un lusso” che molte scuole non possono permettersi. Più facile, nell’ottica immediata dei docenti, bocciare, sperando di “passare il cerino” a qualche altro istituto.

Un tema intressante che spero di approfondire e su cui attendo i vostri contributi

Scuola media, è ancora polemica
Il Pd: “Esami finali inutili, aboliamoli”

Già il ministro Profumo aveva espresso tutte le sue perplessità. Ora i democratici vanno oltre. Puglisi: “Con l’obbligo a 16 anni quella prova non conclude più nulla e crea solo problemi ai ragazzi e inutili bocciature”di SALVO INTRAVAIA

Esame di licenza media al centro del dibattito politico. Mentre il ministro Profumo pensa a modificarlo, il Pd propone addirittura di abolirlo. E di eliminare anche le bocciature alla media e al superiore. Un paio di settimane fa, a margine di un incontro per la firma di un accordo con la Rai, il ministro dell’Istruzione si è espresso a favore di un cambiamento sugli esami conclusivi del primo ciclo, che sottopongono i ragazzini a più prove di quelle degli esami di maturità.

Per Profumo, l’esame in questione andrebbe “distribuito nel corso dei tre anni di scuole, con una prova finale che concluda il ciclo in maniera più naturale”. Ma per Francesca Puglisi, responsabile Scuola della segreteria del Partito democratico, gli esami di terza media andrebbero proprio aboliti e con essi anche le bocciature. Una proposta shock per il sistema scolastico italiano, ma che trova qualche conferma in uno studio dell’Ocse sui risultati del Pisa 2009.

“Con l’esame di terza media  –  spiega la Puglisi  –  non si concludono gli studi perché i nostri alunni sono tenuti a proseguirli per l’assolvimento dell’obbligo per altri due anni. Quell’esame di terza media, che non conclude nulla da quando  abbiamo innalzato a 16 anni l’obbligo scolastico, può essere eliminato”. “A che serve  –  si chiede  –  una licenza media oggi, quando il minimo che si richiede a un cittadino è la certificazione di un obbligo decennale?”. Ma non solo.

“Bocciare  –  prosegue la Puglisi  –  non serve a migliorare: sappiamo che solo il 2 o 3 per cento degli studenti avrà un beneficio reale dalla ripetizione di un anno scolastico, ma la maggior parte di essi finirà in quel 21 per cento di drop-out che penalizza l’Italia, una vera zavorra che peserà sulle spalle di tutti noi, quando dovremo tentare di includere coloro che avremo perso per la strada, in modo senz’altro meno efficace e senz’altro più costoso dell’Istruzione”.

Le bocciature sarebbero inoltre condizionate da una serie di fattori, a “cominciare dalle origini economico sociali della famiglia di origine e dal contesto territoriale in cui si è nati che in Italia ancora oggi incide sia sul rendimento e sul successo formativo e scolastico, sia sulle scelte dopo la scuola secondaria di primo grado”. “La scuola ‘selettiva’ non fa altro che perpetuare all’infinito l’immobilità sociale di cui è affetto il nostro Paese. Per riattivare l’ascensore sociale di cui abbiamo bisogno, chiediamo agli insegnanti di combattere per la scuola del “non uno di meno”.

Una vera e propria rivoluzione copernicana per il sistema scolastico italiano che trova conferme nei risultati dell’ultima indagine Pisa. Secondo questo studio, i paesi dove è prevista la ripetizione dell’anno scolastico le performance in Italiano, Matematica e Scienze dei quindicenni sono inferiori ai paesi dove il tasso di bocciatura è irrilevante o dove previsto bocciare non è contemplato: come in Giappone, Corea e Norvegia. In altre parole, la ripetizione degli anni scolastici oltre ad essere costosa dal punto di vista economico e sociale sarebbe, secondo gli esperti Ocse, anche inutile.

In Italia, il costo delle bocciature e degli abbandoni in corso d’anno si aggira attorno ai 4 miliardi di euro l’anno. Una cifra che potrebbe essere utilizzata per supportare li alunni e fare in modo, spiega l’Ocse, che tutti raggiungano gli obiettivi minimi per essere promossi. “Non bocciare  –  conclude la Puglisi  –  non vuol dire, però, permissivismo e lassismo, né significa abbassare la qualità, anzi è esattamente il contrario. Non bocciare significa valutare le competenze e, soprattutto, prevenire i disagi, significa seguire il cammino di ogni studente attraverso sistemi relazionali adeguati, supportare le difficoltà, creare percorsi di valorizzazione e incentivo”.

Lascia un commento

Archiviato in Italiano, Scuola

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...