Riflessioni sulla “internet addiction”

Pubblicato da 

Federico Tonioni e’ uno psichiatra, ricercatore alla Facoltà di Medicina dell’Universita’ Cattolica di Roma. A lui si deve, un paio di anni fa’, l’apertura del primo servizio clinico in Italia espressamente dedicato al trattamento dei disturbi legati all’abuso di media digitali. Nella giornata del 29 novembre scorso ha organizzato presso il Ministero della Sanità un seminario di studio su questo tema. Ho avuto il piacere di parteciparvi. Restituisco di seguito una sintesi della giornata unitamente alle mie considerazioni al riguardo.
1. Il primo elemento e’ che la lettura psichiatrica del rapporto tra giovani e media digitali e’ decisamente a tinte fosche. In ordine sparso dalle varie relazioni ho registrato i seguenti effetti che essi produrrebbero:
 – uno spostamento della centratura dalla  soggetualita’ allo strumento;
– il collasso della struttura narrativa;
– una sovraesposizione della autorappresentativita’;
– iperlessimia, narcisismo;
– mancanza di limiti, propensione per le esperienze estreme;
– la trasformazione dell’organizzazione mnestica;
– l'”estensione” della coscienza, con quel che ne viene in relazione all’abbandono della sfera privata e al senso di onnipotenza;
– la perdita della capacita’ di ascolto, dell’altro ma anche di se’;
– la idolizzazione della rete che funziona da anticamera della perversione;
– lo sviluppo di tratti ossessivo-compulsivi;
– la negazione della dimensione reale;
– l’isolamento sociale, come nel fenomeno giapponese degli hikikemori, che si porta dietro depressione maggiore, fobia sociale, inclinazione al suicidio.
Insomma, niente male.
2. Riflettendo su questo tipo di quadro mi sento di condividere alcune considerazioni.
La prima e’ che da uno psichiatra mi aspetterei che approfittasse delle basi scientifiche del suo sapere e invece (non e’ questa la prima volta che mi trovo aconstatarlo), tranne virtuose eccezioni, fa psicosociologia a buon mercato, filosofeggia, insomma per dirla con Umberto Eco “sovrainterpreta”. Curioso, in un frangente storico in cui le scienze “morbide” come la pedagogia provano a sciacquare i panni nell’Arno delle scienze dure (come avviene con le neuroscienze), che invece una scienza dura tenti di darsi una coloritura proprio rivolgendosi ad esse.
Seconda idea. Tutto quello di cui al punto primo puo’ trovare riscontro nei fatti, ma quando, e quanto, e a quali condizioni? In buona sostanza mi pare che si ecceda in generalizzazioni, cosa che invece quando si parla di consumo mediale non e’ mai consigliabile.
Infine, terza idea, ricavo l’impressione di un modo di pensare i rapporti tra i media e i giovani, in fondo causale e deterministico. Invece – come l’intervento di Domenico Pompili ha evidenziato – forse i media digitali vanno pensati come sintomi di un disagio che sta al di la di essi. Così va letto il dato sulla comorbilita’, ovvero sulla tendenza di chi ha già una dipendenza (da sostanze, dal gioco) a contrarre anche quella da media digitali: al fondo vi e’ una fragilità di personalità che predispone queste persone a qualsiasi tipo di dipendenza, anche quella da media digitali.
3. Con grande lucidita’ Federico Tonioni ci ha aiutato a distinguere, a non generalizzare. In due anni di attività del suo servizio, nei circa 300 pazienti incontrati, rileva una netta separazione tra pazienti adulti (20%) e giovani: gli adulti, fruitori di gambling e gioco di azzardo, presentano i caratteri del disturbo comportamentale su uno sfondo autistico; nei ragazzi, fruitori di giochi di ruolo on line e social network, il dato di fondo e’ il forte bisogno di interazione. Nel primo caso si può parlare di dipendenza, nel secondo meglio parlare di disturbo psicopatologico da comunicazione mediata. In buona sostanza la tensione alla relazione tipica dei giovani li emancipa dalla dipendenza.
4. Uno spazio e’ stato ricavato anche per la parte propositiva, dalla prevenzione all’educazione. Sul versante dell’educazione mi e’ parso consolatorio che dopo vent’anni l’idea che serva la Media Education, che la scuola se ne debba far carico, che le famiglie si debbano porre il problema della media awareness, ha finalmente fatto breccia ed e’ diventata patrimonio abbastanza condiviso, come il manifesto della Società Italiana di Pediatria dimostra. Al di la di questo, pero’, ho riascoltato antiche ricette, per i genitori e per gli eductaori in genere, ormai capaci di rimbalzare di tavolo in tavolo, di convegno in convegno:
– riuscire a navigare insieme nel web;
– essere informati senza essere opprimenti;
– dosare tempi, interessi e spazi;
– evitare il braccio di ferro, giungere a forme di patto condiviso;
– sviluppare una nuova cultura di autoregolamentazione.
Le cose più interessanti a questo riguardo le ha dette il collega del Gemelli che dirige il servizio di neuropsichiatria quando ha fatto riferimento all’uso del videogame per il recupero funzionale a livello percettivo o neurologico (sostituisce la riabilitazione che invece non e’ gradita al bambino), quando ha parlato di Mediaterapia (in relazione a motricità, empowerment, engagement), quando ha ricordato che la prevenzione viene da una migliore conoscenza.

2 commenti

Archiviato in Italiano, Tecnologie

2 risposte a “Riflessioni sulla “internet addiction”

  1. Daniela Ebner

    Salve:-) Sono stata pochi giorni fa ad un convegno-corso dal titolo “Web 2.0 educazione e comunicazione” e il segno è stato abbastanza diverso.
    I cervelli dei nostri figli non sono come i nostri: i nativi digitali hanno alcune aree del cervello più sviluppate e aumenta la loro flessibilità e la capacità di problem solving. Questo non è affatto un male, anzi. L’unica accortezza è bilanciare le funzioni cognitive sviluppate dai media digitali con le altre che si sviluppano in altro modo, con altre strategie. Questo è il punto di partenza ed è una vera rivoluzione psicologica, neurologica ed educativa della quale va preso atto. Come genitore (e come docente) vedo le enormi potenzialità e ricchezze del web e delle tecnologie legate al digitale come una risorsa incredibile, che consente una personalizzazione dei percorsi di apprendimento e una condivisione raffinata e consapevole.
    La scuola deve fare molto di più (ci stiamo attrezzando) e io vedo nell’immediato futuro ipad in classe, rete condivisa, percorsi orientati e personalizzati e alto livello di condivisione e cooperazione, app educativi utilizzati in modo consapevole per una classe che sia una autentica comunità di apprendimento e che non si esaurisca in aula, ma continui anche altrove, in tutti i luoghi che i ragazzi abitano. Virtuali e non.

    • Grazie del commento. Personalmente sono d’accordo con te nel vedere i preponderanti vantaggi e benefici di internet e dei nuovi media e nel rifuggire da visioni “paranoiche”. Non a caso, dopo aver cercato di fornire loro gli strumenti di analisi e “difesa”, in casa nostra lasciamo in nostri figli completamente liberi di navigare nè poniamo “limiti” di orari etc.

      Io cerco di riportare qui quanto incontro su tematiche attinenti alla scuola, educazione etc., non necessariamente solo quelli con cui sono d’accordo. Nella fattispecie, comunque, io avevo letto questo intervento come non lontano da quello che stiamo dicendo noi. Mi sembra che il Prof. Tonioni critichi anche lui il dipinto “a tinte fosche” che viene fatto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...