#Concorso #scuola 2012. Posti, #graduatorie, bandi: tutte le date e le cifre

Vista l’importanza per la vita scolastica inizio qui una serie di post tesa a fornire elementi di valutazione e riflessione sul tema del “concorso” per la messa a ruolo degli insegnanti.

Iniziamo da questo articolo di LeggiOggi.it del 4 Settembre

Cresce l’attesa per il concorso a cattedre 2012, che porterà una dote di migliaia di nuove assunzioni nel corpo docenti della scuola italiana. Una ventata di aria fresca attesa per ben 13 anni, dal 1999, quando venne emanato l’ultimo bando, in ordine cronologico, prima dell’era segnata dalle graduatorie moltiplica-precari. Ma quanti saranno esattamente i posti a disposizione nel primo bando e quanti in quelli già annunciati a venire? Quanti insegnanti precari potranno vincerli? Quanto tempo servirà per azzerare le graduatorie?

Innanzitutto, va specificato che i bandi già in programma saranno due: uno, il cui testo verrà pubblicato integralmente in Gazzetta Ufficiale il prossimo 24 settembre, e l’altro, fissato per la primavera 2013: due appuntamenti che decine di migliaia di aspiranti professori non vogliono assolutamente mancare.

Partiamo, dunque, dalla disamina delle cattedre che saranno oggetto dei primi due concorsi, già confermati anche dal Ministero. Per il primo, quello la cui promulgazione è ormai alle porte, i nuovi posti a disposizione saranno 11892, che si insedieranno da settembre 2013. Questi, saranno poi raddoppiati pescando dalle graduatorie, per un totale di 24mila nuovi docenti che saliranno in cattedra tra 12 mesi, nelle scuole di ogni ordine e grado.

A inizio 2013, invece, sarà la volta del concorso a cattedre – parte seconda, un “rimpasto” in confronto alla valanga di nuove assunzioni che saranno messe in palio tra poche settimane. La prossima primavera, infatti, le docenze messe a bando saranno non più di 5mila, meno della metà, dunque, per un totale di 10 mila nuovi assunti, con il “raddoppio” delle graduatorie, che si insedieranno a inizio anno scolastico 2013/ 2014.

Medesimo procedimento, dunque, per i due concorsi, che creeranno, nell’arco di sei mesi, un totale di 34mila nuovi contratti a tempo indeterminato per maestri e professori, senza dimenticare i 21mila – già scelti dalle graduatorie – che già lunedì 17 settembre entreranno in classe con l’inizio del nuovo anno scolastico. Dati alla mano, insomma, si sta avviando un rinnovamento radicale, di cui la scuola, secondo il ministro Profumo, ha tremendamente bisogno, e che dovrebbe continuare negli anni a venire, con la messa in calendario di un bando nuovo di zecca ogni due anni.

Questo meccanismo, ha spiegato di recente Profumo, servirà a smaltire gradualmente le graduatorie di accesso alla professione di insegnante, che in poco più di un decennio hanno accumulato un esercito di163mila precari. Tra le intenzioni del governo, infatti, viene sottolineata a gran voce la promessa di abbandonare definitivamente la logica del graduatorie, per sposare la regolarità dei concorsi, come negli anni del boom.

Purtroppo, però, le richieste da soddisfare saranno talmente tante che molti candidati dovranno armarsi di pazienza e tentare più volte l’agognata assunzione: se 163mila sono i precari che andranno convogliati a tranche entro il sistema scolastico, ancora di più saranno i nuovi entranti che cercheranno di spuntarla coi primi bandi, un numero che potrebbe crescere – e non di poco – se le modalità di accesso non saranno riservate ai soli abilitati.  A questo proposito, infatti, il Codacons ha già alzato le barricate contro il concorso della scuola.

Solo per la prima prova, vengono stimati oltre 200mila candidati: se la previsione sarà confermata, circa uno su venti riuscirà dunque a vincere la cattedra. Per tutti gli altri, bisognerà aspettare il successivo giro di giostra. Va ricordato che i neolaureati di età tra 27 e 35 anni vengono calcolati in oltre 50mila unità, di cui 21mila provenienti dai contestati test del “Tirocinio formativo attivo”. 

Di questo passo, anche le graduatorie, a conti fatti, non spariranno poi tanto in fretta: se 21mila le lasceranno a breve, altri 17mila entreranno in occasione dei primi due concorsi per effetto della ripartizione 50%-50%. Si tratta di 38mila precari, nel complesso, che saranno assunti nell’arco di un anno: ne restano in graduatoria 125mila, secondo i dati del Ministero, che al ritmo di un bando ogni due anni potrebbero essere azzerati nell’arco di un decennio. Insomma, lo stesso arco di tempo in cui si è venuta a creare la lista dei “dannati”, sarà necessario per cancellarla definitivamente.

Lascia un commento

Archiviato in Concorso Scuola 2012, Italiano, Scuola

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...