Grammar schools are not just socially divisive – they’re deeply ineffective | Sam Freedman | Opinion | The Guardian

Interessante argomentazione, che mi ha convinto abbastanza anche se, istintivamente, partivo da opinioni opposte.

Una scuola di elite, elite intellettuale, discrimina necessariamente in base al censo. Per una piccola parte di “poveri ma bravi” che possono sfruttare questo “ascensore sociale”, ammesso che lo sia, molti di più ne vengono discriminati.  E quanto più bassa è l’età, quanto maggiore è la correlazione con il censo.

Ma, contrariamente alla credenza popolare, e anche a quello che io stesso sono portato a pensare, i sistemi scolastici “selettivi” sono meno efficaci ed efficienti di quelli inclusivi.

Quindi nessun buonismo e nessuna scelta ideologica egalitaria. Semplice pragmatismo. La scelta ideologica è quella di chi spinge verso un darwinismo scolastico controproducente.

A proposito di Grammar Schools, ne ha parlato anche Repubblica, ovviamente senza grandi approfondimenti. Il link è qui.

Ecco l’articolo del Guardian

 

Selective education harms the life chances of the poorest and is economically dangerous to the nation. It’s tragic that Theresa May wants more of them

Sorgente: Grammar schools are not just socially divisive – they’re deeply ineffective | Sam Freedman | Opinion | The Guardian

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...