Archivi categoria: Dimensionamento Scolastico

Articoli sul Dimensionamento Scolastico

Delibera Consiglio di Istituto su Revisione Dimensionamento Scolastico

Il Consiglio di Istituto del Parco della Vittoria, nel corso della riunione del 30 Settembre scorso ha deliberato come segue:

“Il Consiglio d’Istituto dell’Istituto Comprensivo Parco della Vittoria,
preso atto della richiesta avanzata dalla Commissione Scuola del I Municipio di …, ritiene opportuno non riaprire per il prossimo anno scolastico la tematica dell’assetto emerso dal processo di dimensionamento scolastico, considerato che i parametri previsti dalla normativa di riferimento non sono mutati.

Ribadisce la necessità che attraverso ampi confronti si possa raggiungere una visione sistemica che vada al di là della singola situazione, nonché siano individuati criteri chiari, comuni, trasparenti e condivisi sulla cui base assumere eventuali, future decisioni.

Al contempo evidenzia, alla luce dell’esperienza dell’ultimo anno, che la distanza territoriale (3 Km.) tra la sede Leopardi e le altre sedi dell’Istituto comprensivo comporta difficoltà logistiche che possono influire sull’organizzazione.

In ogni caso, il Consiglio d’Istituto auspica che il I Municipio si faccia promotore di un tavolo permanente tra le istituzioni scolastiche presenti sul territorio al fine di coinvolgere tutti i soggetti istituzionale e le componenti che sarebbero coinvolte nelle decisioni.

Il presente parere è stato espresso all’unanimità.”

Una delibera era stata sollecitata nel corso del processo annuale  di revisione del dimensionamento scolastico. La decisione del consiglio segue incontri informali con l’utenza e con le altre componenti scolastiche.

La decisione unanime è un importante risultato e deriva dalla presa d’atto che, per quanto questa situazione, subita da tutti, non abbia aiutato, la risoluzione di problemi di lunga data prescindono sostanzialmente dagli accorpamenti con questo o quell’istituto. Inoltre, essendo di fatto qualunque soluzione diversa dall’attuale dipendente dall’unione Leopardi – Giovanni XXIII, si è constatata l’impossibilità di staccare tale scuola dall’istituto comprensivo Monte Zebio.

E’ importante adesso continuare nel lavoro per risolvere le situazioni di difficoltà e, d’intesa con gli altri istitituti della zona, prendere tutte le misure necessarie a evitare o minimizzare l’impatto del dimensionamento per l’utenza. Questo significa ad esempio garantire la continuità didattica a chi, ad esempio, ha iniziato un percorso alla Leopardi quando era aggregata alla Giovanni XXIII oppure alla Pistelli quando il Belli (suo tradizionale sbocco) non era ancora accorpato con la Leopardi.

Come istituto Parco della Vittoria, attraverso i punteggi per le priorità di ammissione, abbiamo scelto di seguire non solo il criterio territoriale, ma di tutelare l’utenza alla luce di flussi consolidati fra le due scuole, indipendentemente dagli accorpamenti sopravvenuti.

Auspichiamo che tutti gli istituti seguano criteri analoghi non solo su questo tema ma ovunque una soluzione “di buon senso” può risolvere problemi nati da processi “burocratici” e amministrativi realizzati per motivi di tipo non certo pedagogici.

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Accorpamento Belli, Consiglio di Istituto Parco della Vittoria, Dimensionamento Scolastico, Italiano

#Dimensionamento Scolastico: si ricomincia?

Con il riassetto dei Municipi cittadini, che ha visto il XVII fondersi con il I° e con il “cambio della guardia” nelle amministrazioni a seguito delle elezioni della scorsa primavera, è ripresa l’attività delle diverse commissioni compresa quella della scuola.

Nel corso della riunione tenuta oggi è stata fatta una apertura per eventualmente rivedere nel prossimo anno gli accorpamenti realizzati, fra molte polemiche, lo scorso anno.

Questa la nota di sintesi del Presidente Giovanni Ficà Talamanca:

“La VI Commissione Permanente Scuola e Edilizia Scolastica ha avviato con la seduta di ieri, 18 settembre 2013, l’istruttoria relativa alla deliberazione che questo Municipio dovrà assumere relativamente al dimensionamento scolastico per l’anno 2014-2015; alla seduta hanno partecipato i rappresentanti di tutte le scuole del Municipio. Considerato quanto emerso dalla discussione, e intendendo assumere una decisione finale che sia il risultato di un’ampia condivisione tra tutti i soggetti interessati, la Commissione ha invitato tutti gli Istituti ad esprimere le loro proposte, siano nel senso del mantenimento degli assetti attuali di dimensionamento o anche nel senso di eventuali modifiche di cui si ravvisi motivatamente l’opportunità . Si  è segnalato, in particolare, che la deliberazione finale dovrà farsi carico della criticità relativa all’unico Istituto Comprensivo che risulta attualmente sotto la soglia minima di iscritti: si sollecita sul punto a formulare proposte che dovranno comunque essere condivise.

Le proposte di Codesti Istituti  saranno discusse pubblicamente nella seduta che sarà convocata per mercoledì 2 ottobre ore 12,30. Sarà presente la Presidente del Municipio Sabrina Alfonsi.

Come genitore della S.M.S. Belli ho lottato strenuamente, con successo, per evitare lo smembramento della scuola per allocarne parti a diversi Istituti Comprensivi. L’integrazione con la Scuola Primaria Leopardi, nell’ambito di quello che oggi è L’I.C. Parco della Vittoria, ha comportato e sta comportando una mole imponente di lavoro, a causa dei mille adempimenti burocratici e di altro tipo. Chi non opera sul campo non si rende conto della complessità della cosa, e degli inevitabili contraccolpi nella vita della scuola in tutte le sue componenti (alunni, insegnanti, personale ATA, genitori).

Salvo casi estremi, e sicuramente nel nostro caso, ritengo che sia da preservare la continuità ed evitare di mandare a monte, e dover ripetere da zero, tutto il lavoro fatto. Questo senza contare che, come abbiamo visto, ogni soluzione che soddisfa una componente ne scontenta un’altra. Nell’attuale contesto economico non credo sia “saggio” cercare soluzioni di maggiore parcellizzazione degli istituti (quindi di dimensioni minori): una scelta che rischia inevitabilmente di essere rimessa in discussione magari nel giro di pochi mesi, richiedendo nuovi accorpamenti, magari peggiori degli attuali.

Occorre lavorare, e lavorare in pace, a completare l’integrazione fra Belli e Leopardi e risolvere i vari problemi emersi nel corso di questi mesi per gli uni e per gli altri. Credo che su questi temi si sono già spese abbastanza giornate e abbastanza parole.

Lascia un commento

Archiviato in Accorpamento Belli, Consiglio di Istituto Parco della Vittoria, Dimensionamento Scolastico, Italiano

#dimensionamento #lazio Calendario incontri Conferenze Territoriali della Scuola

Sono previste una serie di incontri fra le “parti sociali” sul tema della scuola.

Fra questa la revisione degli assetti scolastici 2013 – 2014 a seguito del processo di “Dimensionamento” e eventi successivi.

Per quanto riguarda il Municipio XVII, quello di nostro interesse, la data dell’incontro è il 1° Ottobre alle ore 10.

Non dovrebbero esservi “rischi” di smembramento (dopo la sentenza della Corte Costituzionale che assegnava alla Regione l’esclusiva di queste decisioni, la tendenza dovrebbe essere verso un “allentamento” dei vincoli) ma è bene tenere sempre alto il livello di attenzione.

Invito tutti gli interessati, che hanno condiviso la “battaglia” per evitare lo smembramento del Belli, a prevedere la partecipazione.

Qui il testo della lettera di convocazione

Lettera di Convocazione

Lascia un commento

Archiviato in Accorpamento Belli, Dimensionamento Scolastico, Italiano

#scuola #dimensionamento Concluse le audizioni del Consiglio Regionale del Lazio

Dimensionamento scolastico: alla Pisana le organizzazioni sindacali

18/07/12 – La commissione Scuola, presieduta da Romolo Del Balzo (Pdl), ha concluso stamani il ciclo di audizioni sul tema degli effetti della sentenza della Corte Costituzionale in materia di dimensionamento e dei ricorsi presentati al Tribunale Amministrativo Regionale contro il Piano relativo all’annualità 2012/2013. Presente l’assessore all’Istruzione Gabriella Sentinelli.

Questa mattina sono state ascoltate le organizzazioni sindacali del comparto scuola: Uil, Flc Cgil Lazio, Snals – Confsal, Federazione Gilda – Unams e Cisl. I rappresentanti delle sigle sindacali presenti hanno espresso preoccupazione per gli affetti che il piano di dimensionamento produrrà alla ripresa dell’anno scolastico, evidenziando in particolare la difficoltà di gestire istituti comprensivi con 1.800 alunni o che mettono insieme municipi o comuni diversi. Chiesto da tutti che la Regione intevenga per correggere il Piano prima della riapertura delle scuole e che l’assessore chiarisca il comportamento che verrà adottato rispetto ai ricorsi presentati al TAR. Evidenziata, infine, la necessità di attuare un monitoraggio costante delle diverse situazioni sia nella fase precedente che in quella successiva all’adozione del piano di dimensionamento.

Il vicepresidente della commissione Fabio Nobile (Fds) ed i consiglieri Filiberto Zaratti(Sel) e Giulia Rodano (Idv) hanno sottolineato che il piano di dimensionamento adottato per il prossimo anno scolastico presenta aspetti “paradossali” e che la sua applicazione “porterà confusione e disagi in molte scuole della regione”, la cui responsabilità, secondo Zaratti, ricade esclusivamente sulla Giunta “che ha scelto di seguire un iter sbagliato”. Nobile ha poi osservato che “la sentenza della Corte Costituzionale non rappresenta un impedimento a rivedere il Piano e che, quindi, la decisione in tal senso è esclusivamente della Giunta”, mentre Rodano ha invitato l’assessore ad intervenire “per correggere dove possibile almeno le situazioni più assurde”. Come nelle precedenti sedute i tre consiglieri hanno nuovamente invitato l’assessore ad astenersi dal presentare ricorso al Consiglio di Stato contro le pronunce del Tar. “Le ordinanze di sospensiva sono immediatamente esecutive – ha poi aggiunto Francesco Scalia (Pd) – ed è compito dell’amministrazione attuarle”.

L’assessore Sentinelli ha ribadito, ancora una volta, che a poco più di un mese e mezzo dalla riapertura delle scuole, “non è possibile modificare un dimensionamento già chiuso e che per essere rivisto richiederebbe mesi”. Ha quindi ricordato che nelle nuove linee guida per la redazione del prossimo Piano è stata introdotta la previsione di un organismo di concertazione e monitoraggio permanente – la ‘Conferenza’ – che sarà operativo non appena approvata la delibera di Giunta. Rispetto ai ricorsi al TAR, infine, ha ripetuto che “la valutazione su eventuali impugnazioni dovrà essere fatta caso per caso”.

Nel corso della seduta, Nobile, Rodano e Zaratti hanno chiesto che vengano messe all’ordine del giorno della commissione due risoluzioni per impegnare la Giunta, rispettivamente, ad annullare il piano di dimensionamento 2012/2013 e a non presentare appello contro le decisioni del TAR. I tre consiglieri e Marco Di Stefano (Pd) hanno inoltre sollecitato un passaggio formale in commissione delle nuove linee guida del Piano per poter esprimere, prima dell’approvazione definitiva in Giunta, “suggerimenti ed indicazioni che possano contribuire a realizzare un dimensionamento più razionale”.

“Con l’audizione di oggi abbiamo concluso la serie di consultazioni con associazioni e organizzazioni sindacali interessate al tema del dimensionamento scolastico regionale – ha commentato il presidente Del Balzo a margine della seduta – riconvocheremo a breve la commissione per esaminare le due risoluzioni presentate dai colleghi”.

Lascia un commento

Archiviato in Dimensionamento Scolastico, Italiano

#dimensionamento #scuola Lazio: PD chiede ritiro delibera dimensionamento scolastico

Dal Blog di Riccardo Corbucci

Dimensionamento scolastico, il gruppo del Pd Lazio presenta mozione per ritiro delibera n. 42

Dopo la sentenza della corte costituzionale che ha bocciato il dimensionamento scolastico del Governo Berlusconi, recepito dalla delibera n. 42 della Regione Lazio, sulla quale pendono numerosi ricorsi al Tar del Lazio e al consiglio di Stato, il gruppo del Partito Democratico della Regione ha presentato una mozione (clicca qui) per chiedere alla presidente Renata Polverini, che si attivi presso l’ufficio scolastico regionale per il ritiro del decreto n. 22 del 21 febbraio 2012. Inoltre i consiglieri democratici chiedono che la Regione provveda al ritiro in auto tutela della criticata delibera n. 42 e che la Regione approvi un nuovo piano di dimensionamento scolastico, attraverso una conferenza interegionale al fine di garantire la omogeneità dei parametri sul territorio nazionale e interistituzionale con le Province, il Comune di Roma Capitale e i comuni del suo territorio al fine di rispondere in modo adeguato alle loro particolari esigenze.

1 Commento

Archiviato in Dimensionamento Scolastico, Italiano

#dimensionamento #scuola Sentinelli: sentenza della corte costituzionale non intacca il dimensionamento scolastico varato dalla Regione Lazio

Scuole, Corbucci (Pd): “Regione non correggerà il dimensionamento”

“L’assessore Sentinelli preannuncia una nuova stagione di tagli per il prossimo anno, che la Regione vuole realizzare”, rende noto il consigliere Pd

di Redazione 28/06/2012 di Roma Today

La sentenza della Corte Costituzionale, sulla stessa lunghezza d’onda del maxi ricorso delle famiglie contro il dimensionamento scolastico che è stato approvato dalla Regione Lazio, non sembra aver fatto fare un passo indietro alla maggioranza in Regione. A riportarlo, il Vicepresidente del Consiglio del IV Municipio, Riccardo Corbucci, che racconta l’esito dell’audizione in cui è intervenuta l’assessore Sentinelli.

“Interessante audizione in commissione politiche scolastiche della Regione Lazio dell’assessore Gabriella Sentinelli, che interrogata dal consigliere regionale Fabio Nobile, unico consigliere dell’opposizione presente alla seduta, ha replicato che la sentenza della corte costituzionale non intacca il dimensionamento scolastico varato dalla Regione Lazio. Anzi l’assessore ha già approvato le nuove linee guida che serviranno l’anno prossimo per un ulteriore fase di dimensionamento, più dura di quella di quest’anno”, rende noto Corbucci.

“Dopo che la corte costituzionale ha reso illegittima parte della legge che limita il numero degli alunni per istituto comprensivo, l’assessore Sentinelli è costretta oggi ad assumersi la responsabilità politica della stagione dei tagli alla scuola pubblica e delle scellerate scelte sul dimensionamento scolastico di Roma” continua Corbucci “preannuncia per il prossimo anno una nuova stagione di tagli che la Regione Lazio vuole realizzare, aprendo un tavolo di confronto con i sindacati e consentendo ai consigli d’Istituto delle scuole di poter dire la loro, cosa non fatta quest’anno. Inoltre il Comune di Roma è stato estrapolato dalla provincia di Roma che quindi non potrà mettere bocca sulle scelte di Roma Capitale. Una decisione ovviamente politica che nulla ha a che vedere con la corretta prassi amministrativa, alla quale l’assessore non é davvero abituata. Per l’anno prossimo, quindi, ci aspettano nuovi tagli e sacrifici per la scuola pubblica”.

Lascia un commento

Archiviato in Accorpamento Belli, Dimensionamento Scolastico, Italiano

#dimensionamento Continuano le polemiche dopo la Sentenza della Corte Costituzionale

Dimensionamento scolastico, l’amministrazione non si arrende

Zito: “Non siamo soddisfatti di come le istituzioni hanno accolto la sentenza della Corte Costituzionale”

Da “Il Faro on line” – “Non siamo affatto soddisfatti di come Governo e Regioni stanno reagendo alla Sentenza della Corte Costituzionale”. Questo è il fermo commento del Vice-Sindaco del Comune di Cerveteri, Giuseppe Zito, nell’osservare come le Istituzioni si siano completamente disinteressate dell’esito della sentenza 147 del 7 giugno 2012 con la quale la Corte Costituzionale stabilisce che lo Stato non può imporre alle Regioni di costituire obbligatoriamente istituti comprensivi, né di stabilire quale debba essere la loro consistenza numerica in termini di alunni, perché si tratta di competenza esclusiva delle Regioni”. Sul Piano di Dimensionamento scolastico l’assessore Zito ha incontrato ieri l’Assessore alla Pubblica Istruzione della Regione Lazio, Gabriella Sentinelli.

“Ringrazio l’Assessore Sentinelli per averci ricevuto con cordialità e disponibilità ad instaurare un proficuo rapporto istituzionale con la nostra Amministrazione” – prosegue Zito, sottolineando che – “Il Piano approvato è stato calato dall’alto e non ha tenuto conto di alcune specificità dell’organizzazione didattica e dell’inadeguatezza delle strutture scolastiche alle esigenze della cittadinanza. Probabilmente i tempi strettissimi imposti dal Governo per attuare i tagli previsti dalla Legge n.111 del 2011 non hanno consentito un processo partecipato e condiviso che consentisse la realizzazione di un piano capace di tenere insieme le esigenze degli alunni e quelle di tutto il personale scolastico. Abbiamo dunque anticipato alla Regione Lazio che nei prossimi giorni invieremo una richiesta ufficiale per ottenere la proroga di un anno scolastico all’attuazione del Piano”.

“Ci tengo a sottolineare che sin dall’insediamento dell’Amministrazione Pascucci abbiamo aperto un tavolo permanente composto dai Comitati dei genitori e dai Presidenti dei Consigli di Circolo del Giovanni Cena e della Salvo D’Acquisto, al fine di individuare soluzioni in grado di attenuare quanto più possibile i disagi che provocherebbe l’attuazione del Piano di Dimensionamento. Questo Piano – conclude Giuseppe Zito – non ci piace perché penalizza la didattica, aumenta i costi del trasporto scolastico ed è poco compatibile con l’attuale organizzazione delle strutture scolastiche. Chiediamo maggiori tutele sia per gli alunni e le loro famiglie che per i docenti e il personale scolastico”.

Lascia un commento

Archiviato in Dimensionamento Scolastico, Italiano